Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Animalness – Esplorare la nostra vera natura attraverso la relazione con gli animali

Ritiro di pratica

Animalness in forma di ritiro è una totale immersione nel silenzio, nella pratica dell’ascolto di sé, della natura e degli insegnamenti degli animali. Osserveremo le loro dinamiche sociali, il modo in cui stringono i legami affettivi, come comunicano e si aprono alla vita.

Si coltiva la pratica della meditazione e il recupero di un rapporto sacro con la natura. Si familiarizza con camminate consapevoli, movimento naturale, gioco e umorismo.

Il ritiro è particolarmente adatto a chi voglia familiarizzare con uno stile di vita che corrisponda alla nostra vera natura, basato sull’armonia fra l’umano e gli altri animali.

Cosa si fa durante il ritiro

  • si pratica movimento in consapevolezza
  • si esercita la capacità di ascoltare umani e altri animali
  • si esercita la capacità di ascoltare il proprio corpo, la propria mente, i propri sentimenti
  • si osservano animali liberi per imparare da loro
  • si impara a mangiare in consapevolezza
  • si pratica movimento consapevole
  • si gioca
  • si medita

Quota corso e iscrizioni

Quota corso: 240 euro

Per iscrizioni e prenotazioni contattare la segreteria dell’Istituto Lama Tzong Khapa, segreteria@iltk.it – 050685654

Il numero delle iscrizioni è limitato a 25 persone

Informazioni utili per iscriversi

Porta con te:

  • abiti comodi, anche per lavorare all’aperto
  • un cuscino e un tappetino da meditazione/yoga
  • una coperta (da indossare eventualmente durante la meditazione)
  • tre palline identiche (possono cambiare fra loro per colore)
  • guanti da lavoro (ci serviranno per fare esercizio poggiando le mani a terra su terra e selciato; che siano quindi ben resistenti e non in stoffa)
  • una torcia

I cani sono ammessi?

  • Non in sala, ma negli alloggi sì
  • Non è richiesto che tu venga col cane e se puoi, lascialo a casa
  • Durante il ritiro è possibile che ci siano alcuni momenti di lavoro con cani, ma non è detto, dipende da ciò che emerge
  • Consulta la segreteria dell’Istituto per capire come organizzarti col tuo cane

Descrizione delle giornate

Primo giorno, giovedì 18 aprile, si giunge in Istituto entro le 18:00 per accomodarsi negli alloggi. Alle 19:30 si cena e la prima sessione di lavoro è alle 21:00 e termina alle 22:30.
Ultimo giorno, lunedì 22 aprile, i lavori terminano alle 13:00.

A tutti: non bisogna essere esperti, né possedere cani per partecipare. Il corso presenterà specifici metodi per “entrare in contatto” con gli animali. In generale il corso è rivolto a chi voglia crescere in coscienza e consapevolezza.

Chi lavora con gli animali può esplorare nuove forme di contatto e approccio con essi. Dichiarano di ottenere grandi benefici da questo ritiro i proprietari di cani e di gatti, i naturalisti, gli etologi, i biologi, i veterinari, gli educatori cinofili, gli appassionati di equitazione.

Un grande apporto di benefici è inoltre dichiarato sia da chi medita regolarmente che da chi volendo imparare a farlo si è iscritto al ritiro.

Animalness è il recupero di quella parte sopita dell’essere umano, ma allo stesso tempo naturale, sana, istintiva, centrata.

In passato “animalità” era un termine designato per contrapporre semplicisticamente all’umano ciò che umano non era. Oggi invece stiamo prendendo consapevolezza di aver negato una parte di noi stessi che urla il bisogno di essere liberata. La questione non è quella di tornare alle nostre radici. Si tratta più che altro di scoprire ciò che non siamo mai stati prima.

Citando Roberto Esposito, filosofo:

“Che il divenire animale dell’uomo sia situato alla fine della storia lascia intendere che esso non è un puro ritorno a una condizione primitiva, ma il raggiungimento di uno stato mai prima sperimentato.”

Un cambiamento culturale

I segnali sono evidenti. Le tematiche animali sono sempre più centrali. È in aumento il vegetarianismo. I filosofi si occupano come mai prima di animalità, bioetica e biocentrismo. Gli scienziati, in particolar modo gli etologi, si occupano di cognizione animale, studiandone affettività, intelligenze, capacità sociali. Studiamo le radici biologiche di etica, moralità e compassione negli esseri umani con l’osservazione di queste qualità negli animali.

Per maggiori informazioni, continua a leggere la pagina: http://angelovaira.it/animalness-3/.

Altro che Lilly e il Vagabondo, dolci, geniali e con una morale di ferro: i cani sono intelligenti, certo, ma non sono umani, non pensano come noi. Non ci obbediscono solo per compiacerci, non passano per primi dalla porta per dominarci, e non rosicchiano i mobili per dispetto: semplicemente, seguono altre regole. Vivono in una cultura, la nostra, che spesso non capiscono. Inutile tentare di addestrarli punendo “gli errori” o “i capricci”. Se “sbagliano”, è perché sono guidati dall’istinto o disorientati, non perché vogliano farcela pagare. La ricetta migliore per farsi ascoltare?

 

 

 

“Nella mente del tuo cane” offre le chiavi per interpretarne la complessa psicologia,
leggere nel loro pensiero e parlare il loro stesso linguaggio.
Un testo aggiornato sulle più importanti ricerche cognitive
nell’ambito del comportamento canino e allo stesso tempo accessibile,
ricco di consigli pratici per la vita di tutti i giorni, per chi ama i cani e vuole aiutarli
a esprimere tutto il loro potenziale.

 

 

Le emozioni animali non solo ci danno lezioni su amore empatia e compassione, ma ci impongono di rivedere radicalmente il nostro modo di interagire con il mondo animale, sfruttato e dominato dall’uomo per millenni.

Bekoff ci presenta una sapiente miscela di gioia, empatia, afflizione, imbarazzo, rabbia e amore espresse dagli animali e riporta i risultati delle più recenti ricerche scientifiche che ne confermano l’esistenza, del resto già evidente a chi ha quotidianamente a che fare con gli animali.

 

 

Ricco di esempi, principi e consigli pratici per avvicinarsi
all’approccio che sta rivoluzionando il mondo cinofilo…

 

 

 

“Gioco! Giochiamo! Cioè ti alzi dal divano e metti da parte le preoccupazioni.
Il gioco ti cambia l’espressione del viso. I tuoi problemi si allontanano e li vedi più piccoli e meno seri!”
Ecco cosa ti direbbe il tuo cane se potesse parlare.
In questo libro troverai in ogni pagina un buon motivo per imparare a giocare con lui.
In che senso imparare? Innanzitutto perché apparteniamo a specie diverse,
abbiamo linguaggi differenti e quindi per giocare insieme senza creare fraintendimenti dobbiamo prima capirci.

Insegnante

Angelo Vaira

Angelo Vaira è agevolatore della relazione col cane, zooantropologo, scrittore, conferenziere e personalità mediatica (Corriere.it, Rai, FoxLife, Radio24). Ha dedicato la sua intera vita all’esplorazione della natura umana e animale attraverso l’etologia, la psicologia, le neuroscienze e la meditazione che pratica quotidianamente da ventidue anni. Nel 2003 ha preso Rifugio e i Voti del Bodhisattva dal XVII Karmapa in Francia, promettendo di dedicare la sua vita a beneficio di tutti gli esseri. Successivamente riceve insegnamenti e pratica con Lama Ole Nydahl, Shamarpa, Chogyal Namkhai Norbu e Lama Zopa Rinpoche, partecipando a diversi ritiri di meditazione. Oggi dirige una fra le più longeve e influenti scuole per educatori cinofili, la ThinkDog. Animalness è il suo più recente campo di ricerca.

Dettagli

Inizio:
aprile 18 | 21:00
Fine:
aprile 22 | 13:00
Categorie:
Price:
€ 240,00

Luogo

Istituto Lama Tzong Khapa
via Poggiberna 15
Pomaia, Santa Luce (PI), 56040 Italia

View Map

Telefono:
050 685654
Sito web:
www.iltk.org

Eventi correlati

Arte della Felicità
L'Arte della felicità
Secondo modulo-riservato a chi è iscritto all'intero programma