Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

La leggerezza del perdono

Ritiro di meditazione analitica e consapevolezza

L’uso di un ritiro di meditazione, più o meno lungo, è uno dei sistemi migliori per imparare a meditare, inoltre se c’è la possibilità di approfondire un argomento importante, che coinvolge il nostro modo di pensare e di vivere, è davvero qualcosa di speciale e prezioso.

Questo ritiro dedicato al perdono, argomento così delicato e intimo, prende in considerazione uno degli inquinanti più potenti per la nostra mente, che è connotato da tre aspetti progressivi: avversione, rabbia, rancore.
Quando questa afflizione è presente nella mente è capace di ostacolare qualsiasi tipo di felicità, essa spesso si nasconde dietro un’insignificante fastidio o disagio, ma la sua potenza è pari a quella di un ciclone, è capace di portar via tutte le condizioni favorevoli per la serenità e la pratica del Dharma.

  In questo ritiro ci si propone di approfondire, attraverso la meditazione di consapevolezza e la meditazione analitica, l’argomento della rabbia e della pazienza fino a giungere, in modo morbido e leggero, all’importanza del liberarci di un fardello pesantissimo chiamato rancore; in questo modo realizzeremo la leggerezza del perdono, per il nostro e l’altrui beneficio. 

Il ritiro inizierà giovedì 20 Febbraio alle 20.30 e terminerà domenica 23 Febbraio, ora di pranzo.
Sarà strutturato in modo da avere sessioni di meditazione seduta e camminata, ci sarà spazio per esercizi di respirazione e rilassamento, oltre ad una passeggiata silenziosa nei sentieri vicini all’Istituto nel primo pomeriggio di venerdì e sabato.

Per tutto l’arco del ritiro verrà mantenuta la pratica del nobile silenzio.

Quota corso:

per partecipare al ritiro non è richiesta una quota corso ma un’offerta, consigliata 40 Euro. Al tuo arrivo in Istituto puoi ritirare in segreteria una busta con il nome del corso, per inserire l’offerta.
Potrai lasciare la busta chiusa contenente la tua offerta, in segreteria  prima del termine del ritiro

Il significato dell’offerta minima:

i benefici derivati dalla partecipazione ad un ritiro sono innumerevoli. I giorni dedicati ad una pratica intensiva di meditazione possono portare ad una profonda conoscenza di sé e a far conoscere quanto sia possibile nutrire ed accrescere le attitudini positive che sono presenti in ogni essere vivente. Per questa ragione vuole essere offerta l’opportunità di partecipazione a chi, pur riconoscendone l’importanza per il proprio e l’altrui benessere, ha serie difficoltà economiche.
Attraverso l’offerta consigliata invitiamo il partecipante ad un gesto che sia etico e consapevole che compara le proprie possibilità economiche con l’apprezzamento per ciò che ha ricevuto dal ritiro e che, con generosa saggezza, possa essere causa e condizione per la continuità delle attività legate al dharma, non solo per stesso  ma anche per altri in futuro.

La richiesta di un’offerta minima consigliata è riconducibile all pratica del dāna che nel pensiero buddhista, ha l’effetto di purificare e trasformare la mente del donatore.
La generosità sviluppata attraverso il dare conduce all’esperienza della ricchezza materiale e a rinascere in stati felici. Nel Dighajanu Sutta del Canone dei Pāli, la generosità, viene identificata come uno dei quattro tratti che condizionano la felicità e la ricchezza nella prossima vita.

Viceversa, la mancanza di donazioni porta a stati infelici e povertà.
Dāna si collega ad una delle 6 pāramitās o perfezioni, il dānapāramitā,  generosità distaccata e incondizionata, dare e lasciar andare. [Citazione necessaria]

I buddisti credono che dare senza cercare nulla in cambio porti ad una maggiore ricchezza spirituale. Inoltre, riduce gli impulsi all’attaccamento ai beni materiali che alla fine portano a continue sofferenze.

Iscrizione

Per iscriverti al ritiro contatta la segreteria dell’Istituto con una mail inviandola
a segreteria@iltk.it
L’iscrizione è necessaria per poter partecipare indipendentemente dalla tua scelta di alloggiare o usufruire della mensa in Istituto.

Nella stessa mail in cui richiederai di iscriverti al ritiro potrai richiedere disponibilità di vitto e alloggio presso la struttura.

Il ritiro non richiede prerequisiti particolari per la partecipazione ed è indicato per tutti.

 

6.45  È per colpa dell’essere infantili che si riceve il male, perché sebbene non si voglia soffrire 
si è con forza attaccati alle cause che portano a ciò. Perché quindi prendersela con gli altri? 6.70  Quando il fuoco da una casa che brucia si sta estendendo ad un’altra, 
è saggio gettar via la paglia
e quanto altro farebbe propagare le fiamme. 6.111  Così, visto che un’accettazione paziente
sorge soltanto in dipendenza della sua mente colma di odio, 
quella persona è degna di venerazione, come lo è il sacro Dharma, perché della mia pazienza è una causa.
Shantideva
estratto dal Bodhisattvachariavatara

Insegnante

Ven. Ani Ciampa Tashi

Ani Ciampa Tashi è una monaca buddhista della tradizione tibetana Ghelukpa che vive all’ILTK da 2011. Discepola del Maestro Ghesce Sonam Cianciub fin dal 2005, deceduto in India nel 2008; ha studiato Dharma presso l’Istituto Samantabhadra di Roma e poi seguito e preso i Cinque precetti con il Ven. Ghesce Ciampa Ghyatso nel 2007, ha partecipato come studente al Masters Program dell’FPMT dal 2008 al 2013 ed attualmente continua a seguire il programma di studio del Masters Program in corso iniziato nel 2015.
Ha preso i voti monastici nel 2009 col suo nuovo maestro Kensur Ciampa Thegchog che poi divenne Lama residente all’istituto.
Pratica la meditazione dal 2004, ha partecipato ad insegnamenti e ritiri in varie tradizioni per molti anni, conduce incontri e ritiri più o meno lunghi portando con sé l’esperienza di vita e lo studio del Dharma buddhista, anche se i suoi incontri di meditazione non sono sempre legati alla religione buddhista; principalmente adotta la meditazione analitica, ma la base è sempre la meditazione di consapevolezza.
Pratica e divulga la disciplina dei “Cinque Riti Tibetani” dal 2007 in varie città italiane, attualmente guida incontri e ritiri intensivi presso vari centri; conduce le meditazioni per i volontari dell’istituto e svolge attività di volontariato portando la pratica della meditazione nelle carceri di Livorno dal 2012.
Ciampa Tashi fa parte della “Associazione Sangha Onlus” che ha sede presso l’ILTK di Pomaia (PI).

Dettagli

Inizio:
febbraio 20 | 20:30
Fine:
febbraio 23 | 12:30
Categorie:
Offerta minima consigliata
40

Luogo

Istituto Lama Tzong Khapa
via Poggiberna 15
Pomaia, Santa Luce (PI), 56040 Italia

View Map

Telefono:
050 685654
Sito web:
www.iltk.org

Eventi correlati

Alla scoperta del buddhismo
Alla scoperta del buddhismo
Modulo 2 - Soggetto 4