Giorni straordinari alla presenza di Khandro Kunga Bhuma Rinpoche

Sono stati giorni straordinari, pieni di grazia quelli che hanno accompagnato la visita della meravigliosa Khandro Kunga Bhuma Rinpoche all’Istituto Lama Tzong Khapa dal 17 al 19 maggio.
Più di seicento persone in presenza hanno partecipato all’evento di tre giorni a Pomaia e un migliaio di persone online hanno potuto seguire le diverse traduzioni nelle lingue italiano, tibetano, inglese, spagnolo, francese, portoghese, russo e cinese.

Un clima di grande pace e gioia festosa ci ha accompagnati come un’unica grande famiglia, di cui Khandro-la è stata una grande Madre, Sorella, Maestra.
Il soggetto degli insegnamenti di questi giorni è stato il Sentiero che unisce la vacuità e Bodhicitta, la mente dell’illuminazione e vorremmo riportare alcune sue parole:
“Penso che il Dharma sia qualcosa che va praticato nella nostra esperienza quotidiana, di tutti i giorni per aiutare il nostro pensiero in quella direzione, senza sentire che è distante da noi”. “Per sviluppare la nostra intelligenza e saggezza e farla diventare insuperabile per prima cosa dobbiamo guardarla e riconoscere come è afflitta. Quello è il primo gradino per raggiungere la saggezza insuperabile”. E ancora “Questo pensiero costantemente concentrato su se stesso, l’egoismo, è negativo a 360 gradi sia per noi stessi che per gli altri. Questo tipo di mentalità cosi claustrofobia crea conflitti nella società, tra gli individui, e porta a depressione, malattie, insicurezza. Questa è una mente limitata che può essere temporanea, e basterebbe ribaltare questi pensieri afflitti con una mente altruistica. Con lo sviluppo del buon cuore, con una mente per natura onesta, positiva, vera”.

Khandro-la è partita ieri mattina da Pomaia verso il termine del suo Tour Europeo che la vedrà a Londra nei prossimi giorni.
Ci sentiamo estremamente fortunati di aver potuto beneficiare dei suoi Insegnamenti e con il cuore ancora pieno di gratitudine e profondo rispetto le auguriamo una lunghissima vita, e come ha annunciato il direttore Valerio Tallarico nel suo discorso finale, il nostro invito è nella speranza che Lei possa farci visita ogni anno per donarci i suoi preziosissimi insegnamenti.

Grazie ancora di cuore a tutti coloro che hanno partecipato, di cui non dimenticheremo i grandi sorrisi e la speciale gioia di questi giorni, che hanno reso questo luogo ancora più speciale.
__
Foto di Piero Sirianni