Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

Saper vivere saper morire

Ritiro residenziale di meditazione Vipassana

Perché un ritiro di meditazione? Un ritiro permette un maggiore contatto con il proprio mondo interiore anche attraverso il distacco temporaneo dalle proprie abitudini. Ciò può essere di grande aiuto per un approfondimento della pratica meditativa che spesso nella quotidianità non è possibile. È un’esperienza molto ricca, sia per chi si è avvicinato da poco alla meditazione sia per chi è sul sentiero da più tempo.

L’antica pratica della meditazione ci apre una via per liberare la mente e il cuore da tutti gli ostacoli alla PACE.

In Occidente l’occultamento del pensiero sulla morte è molto diffuso.
Per molti versi siamo impreparati ad affrontare il fatto che prima o poi dovremo morire.
Il Buddha Sakyamuni ha dato grande importanza alla consapevolezza dell’unità del processo ‘vita-morte’ “. Il Buddha è anche chiamato colui che suona il tamburo dell’immortalità con il suo insegnamento ci indica la via per realizzare ‘il senza morte”.

Nel Canone Pali del Buddhismo Theravada si racconta che il Buddha così si presentò ad un’assemblea di discepoli: “Il Tathagata è perfettamente e completamente risvegliato. Ascoltate, o bhikkhu (monaci), la condizione del Senza-morte è stata raggiunta. Vi insegnerò il Dhamma, vi esporrò il Dhamma. Seguendo quello che è stato indicato, presto penetrerete e risiederete, conoscerete e sperimenterete, per voi stessi, questo insuperato culmine della vita spirituale”.
È fondamentale che l’esperienza della morte, piuttosto che alla fine della vita, venga considerata all’interno di un continuo processo vita-morte.
In questo modo possiamo comprendere che essa è solo un passaggio da uno stato di coscienza, limitato dall’identificazione con il corpo, ad uno stato di coscienza diverso, dove l’accesso alle più alte realtà spirituali è già possibile in questa stessa vita.
Superando le nostre paure e liberando l’energia vitale trattenuta possiamo ritrovare pace, felicità e amore.
Il ritiro è proposto con l’intenzione di contribuire ad educarci a vedere le cose nella dimen­sione naturale del loro divenire, senza drammi e preconcetti.
Facciamo sorgere in noi la consapevolezza che la malattia, la vecchiaia e la morte sono mo­menti inevitabili nella vita di tutti e al tempo stesso sono occasioni grandi e preziose di crescita interiore.
L’approccio alla com­prensione della morte richiede l’apprendimento di un’arte del vivere fondata sulla consapevolezza della unità bio-psico-spirituale.

Il ritiro prevede sessioni alternate di meditazione seduta e camminata e discorsi di Dhamma giornalieri.

A tutti i partecipanti viene richiesto il rispetto del Nobile Silenzio e di osservare i cinque precetti per l’intera durata del ritiro.
Attenzione: l’uso del cellulare è permesso solo per le urgenze.

Su richiesta ci sarà la possibilità di un colloquio con il Maestro Mario Thanavaro.

Si consiglia di arrivare all’Istituto Lama Tzong Khapa e di presentarsi in segreteria per la registrazione alle ore 16.00 del primo giorno. Il ritiro inizierà alle ore 18:00 e terminerà alle ore 12.30 dell’ultimo giorno indicato.

Il seminario non necessita di conoscenze particolari né di precedenti esperienze di meditazione.
Ai partecipanti viene richiesto un sincero interesse alla pratica meditativa, all’ascolto dell’insegnamento e al rispetto del Nobile Silenzio.

Quota di partecipazione:

La quota di iscrizione al ritiro è di € 280 e non include l’alloggio e i pasti.

Il programma si svilupperà con sessioni alternate di meditazione:

Ora

Primo giorno
18:00 – 19:30 Meditazione e introduzione
19:30 – 21:00 Cena
21:00 – 22:00 Meditazione serale
Giorni intermedi
06:00 Sveglia e igiene personale
7:00 – 8:00 Meditazione seduta
8:00 – 9:00 Colazione
9:00 – 9:45 Meditazione seduta
9:45 – 10:30

Meditazione camminata

10:30 –11:15 Meditazione seduta
11:15– 11:45 Meditazione camminata
11:45 -12:30 Meditazione seduta
12:30 – 15:00 Pranzo e pausa
15:00 – 15:30 Meditazione  camminata
15:30 – 16:30 Meditazione seduta
16:30 – 17:30 Pausa Tè
17:30– 18.30 Meditazione seduta
18.30– 19:30 Insegnamenti
19:30 – 20:45 Cena
20:45  – 21:45 Meditazione seduta
Ultimo giorno
06:00 Sveglia e igiene personale
7:00 – 8:00 Meditazione seduta
8:00 – 9:00 Colazione
9:00 – 10:00 Meditazione seduta
10:00 -10:45 Meditazione camminata
10:45 – 12:30  Conclusione ritiro
12:30 -13:30 Pranzo e saluti

 

Per maggiori informazioni sui contenuti del ritiro e l’intensità delle sessioni, puoi contattare l’Associazione Amita Luce Infinita
E-mail: mariothanavaro@tiscali.it
Cell. 333.50.78.367 (ore 10:00–12:00; 17:00– 19:30)

COSA PORTARE

Si consiglia di portare una torcia, una sveglia, abiti, scarpe o sandali comodi da tenere solo all’interno del centro (in caso di pioggia). Effetti personali

 

Le meditazioni inizieranno alle ore 7:00 del mattino e si concluderanno alle ore 22:00.
Saranno osservate le pause per la colazione, il pasto, il tè e la cena. Tutti i momenti dello stare insieme, nelle sessioni, nei pasti, nel riposo saranno intesi come occasioni di pratica della consapevolezza, ascolto interiore e riflessione sulle nostre motivazioni, abitudini e attitudini.

Per ulteriori informazioni sul ritiro è possibile telefonare al coordinamento didattico: 050684174.

Pulsante Paga Ora

Form per la richiesta iscrizione

27 ottobre/1 Novembre23-Richiesta di iscrizione-“Saper vivere saper morire” - Mario Thanavaro

I campi segnati con asterisco* sono richiesti

TI RICORDIAMO CHE:
TUTTI ALLOGGI IN ISTITUTO HANNO I BAGNI CONDIVISI.
TUTTI ALLOGGI AL BORGO HANNO IL BAGNO IN CAMERA.

Trattamento dei dati sensibili
l'Istituto Lama Tzong Khapa si impegna a proteggere la privacy dei propri utenti e a tutelare i dati personali raccolti nel rispetto del nuovo "Codice in materia di protezione dei dati personali" ai sensi dell'art.13 del D.Lgs.196/03. Ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 196/03 e s.m.i., il richiedente consente il trattamento dei dati per le finalità dirette e correlate all’iscrizione al corso di studi. Sulla base del Regolamento UE 2016/679 sulla Protezione dei Dati personali (GDPR) in vigore dal 25/05/2018 i dati sono utilizzati esclusivamente per le ordinarie attività.
Tali dati non verranno condivisi, venduti, affittati o noleggiati a soggetti terzi.

Informativa sulla privacy completa >>>

 

Insegnante

Mario Thanavaro

Mario Thanavaro è entrato nel Sangha (l’antica comunità monastica buddhista), come bhikkhu (monaco errante), all’età di 22 anni ricevendo la piena ordinazione (upasampada) a Londra, il 27 ottobre del 1979, su un’imbarcazione del Tamigi a Londra. Ha avuto come precettore il Venerabile Saddhatissa Maha Thera, e come maestri il Venerabile Achaan Sumedho e il Venerabile Achaan Lakkana. E’ stato così il primo monaco occidentale del lignaggio dei Monaci della Foresta del Venerabile Achaan Chah ad essere ordinato in Gran Bretagna. In tale occasione gli è stato dato il nome iniziatico Thanavaro (Fondazione Eccellente) che mantiene e onora tutt’ora.
Ritornato nella primavera del 1990 in Italia, dopo 12 anni di vita all’estero, trascorsi prevalentemente in Gran Bretagna, Nuova Zelanda e Thailandia, ove ha contribuito alla fondazione e alla crescita di alcuni monasteri, è stato il fondatore del Santacittarama, il primo monastero Theravada in Italia. Seguono 6 anni di intenso lavoro che lo vedono Abate, Maestro di meditazione, Presidente dell’Unione Buddhista Italiana e vicepresidente della Fondazione Maitreya. Dopo 18 anni di vita monastica decide di continuare il suo cammino da laico dedicandosi unicamente all’insegnamento del Dharma come maestro di meditazione vipassana. Dal 1999 è presidente della Associazione Amita Luce Infinita (www.amitaluceinfinita.it) che in diversi modi promuove la crescita psichica e spirituale. Nel 2006 ho organizzato e tenuto il primo ‘Corso Triennale per la Formazione d’Istruttori di Meditazione’.
Dal 3 Gennaio del 2007, in qualità di vicepresidente dell’Associazione Sinergie, partecipa al progetto educativo diretto dalla dottoressa Enzina Luce Franzese. Dal maggio del 2015 è membro del comitato Consultivo del “Consciousness, Mindfulness, Compassion – CMC – International Association”, ed è uno dei docenti del Master annuale di mindfulness e degli incontri settimanali di meditazione promossi dalla Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università ‘La Sapienza’ di Roma. Negli ultimi 40 anni ha incontrato e ricevuto insegnamenti da molti maestri tra i quali: S.S. il XIV° Dalai Lama, S.S. il XVI° Karmapa, Kirti Tsenshab Rinpoche, Ghesce Ciampa Ghiatso, Jiddu Krishnamūrti, Namkhai Norbu Rinpoche e il maestro Mahāyāna Hsuan Hua. Tiene conferenze, seminari, e ritiri di meditazione in tutta Italia. E’ autore di oltre 15 libri sulla meditazione, il buddhismo e la visione olistica.

I temi che propone nei suoi incontri sono stati e sono ancora oggi, parte integrante delle sue scelte e della sua ricerca personale.
Come amico e guida spirituale tiene conferenze e seminari di pratica meditativa e conduce ritiri di Vipassana (visione profonda) in tutta Italia.
Assieme alla moglie Enzina Luce è fondatore dell’Associazione AMITA Luce Infinita.

Per la collana Amita ha pubblicato
– In memoria di Ajahn Chah
– Quando un fiore si apre
– La visione dell’arcobaleno
– Il maschile e il femminile dentro di noi

Per Ubaldini Editore ha pubblicato
– Non creare altra sofferenza
– Verso la luce
– Da cuore a cuore
– Uno sguardo dall’arcobaleno
– Meditiamo insieme

Per il Punto d’Incontro ha pubblicato
– Meditare fa bene

e con Venexia
– Spiritualità olistica – L’alba di un Nuovo Risveglio

e con Magnanelli Editore
– Dalla sofferenza alla gioia
– Perdonare per guarire
– La via del pellegrino: visita ai luoghi sacri del Buddha

Dettagli

Inizio:
27 Ottobre 2023 | 18:00
Fine:
1 Novembre 2023 | 12:30
Categorie:
Price:
€ 280,00

Luogo

Istituto Lama Tzong Khapa
via Poggiberna 15
Pomaia, Santa Luce (PI), 56040 Italia
Telefono:
050 685654
Sito web:
www.iltk.org

Eventi correlati

Meditazione
Un cuore saggio
Ritiro di meditazione in presenza con Paolo Testa ed Elsa Chiesa
Etica secolare e servizio sociale
ABC della Meditazione
Solo in presenza